CERCA
ATTORE

AVVIA RICERCA
 

CATEGORIE

TORNA AI RISULTATI

ATTORE

Dario D'Ambrosi

Lingue
Inglese (fluente)
 
Fin da giovanissimo mostra una grande passione per il teatro unita all’interesse per lo studio delle malattie mentali, tanto da farsi internare per tre mesi all’ospedale psichiatrico Paolo Pini di Milano per osservare da vicino il comportamento degli psicopatici.
Da queste due passioni nasce la formula del suo teatro, definito “teatro patologico”da uno di quei primi critici che si spinge fino allo spazio di via Ramazzini, a Roma, per assistere ai suoi primi lavori.
Gli spettacoli del teatro patologico tendono ad indagare la follia, quella vera dei malati. Al fine di ridare, come sostiene D’Ambrosi stesso, “dignità del matto”.

Dopo aver messo in scena i primi spettacoli, D’Ambrosi si trasferisce solo diciannovenne a New York, dove incontra Ellen Steward, fondatrice del caffè La Mama, che lo fa esordire a teatro con il monologo Tutti non ci sono, che resterà in cartellone per mesi. Siamo alla fine degli anni ’70 e il Caffè La Mama rappresenta il laboratorio artistico all’avanguardia per eccellenza, è il punto d’incontro di artisti quali Robert De Niro, Andy Wharol, Lou Reed, Pina Baush e tanti altri. Dario D’Amorosi continua a frequentare assiduamente il teatro, diventandone membro, proponendo vari spettacoli e dirigendo nell’89 il festival di teatro L’altra Italia.

Tutti non ci sono, La Trota, I giorni di Antonio, Il ronzio delle mosche, Allucinazioni da psicofarmaci, Cose da pazzi, Il principe della follia, Il nulla, Frusta-azioni, Un regno per il mio cavallo (tratto dal Riccardo III di Shakespare) sono alcuni titoli degli spettacoli più significativi che Dario D’ambrosi fino ad oggi ha scritto, diretto, interpretato e rappresentato nelle maggiori città italiane, New York e poi ancora Boston, Chicago, Cleveland, Los Angeles, Detroit e, in Europa, a Barcellona, Amsterdam, Monaco.
Da qualche anno D’Ambrosi lavora anche come attore per il cinema e la televisione. Nel 1997 è apparso nel film per la tv Don Milani, a fianco di Sergio Castellitto. Era uno dei protagonisti dello sceneggiato televisivo Racket. Ha poi lavorato al fianco di Anthony Hopkins e Jessica Lange nel film Titus di Julie Taymor. Era Angelo Lupi nel recente Padre Pio di Giulio Base, mentre nella Uno bianca di Michele Soavi era il commissario Monti. E’ uno dei protagonisti del film Almost blue di Alex Infascelli. Nel film Terra di nessuno di G. Gnagni e con Ben Gazzarra è Lucigli. Ha poi lavorato nello sceneggiato televisivo di Michele Soavi Il testimone.
Cinema
2014 D’Ambrosi ha realizzato la sua prima regia cinematografica, un film da Gianfranco Piccioli per Hera International dal titolo Il ronzio delle mosche, con Greta Scacchi nella parte della protagonista femminile, la dottoressa Naila.
Interpreta il ruolo del flagellatore di Cristo nel celebre film La Passione di Mel Gibson
Scrive e Dirige “I.N.R.I.” LUNGOMETRAGGIO NEGLI Stati Uniti prodotto dalla Pasthological Inc.
Televisione
2010
  • ROMANZO CRIMINALE 2 Regia di S. Sollima

  • 2008
  • MIA CARA BEFANA regia di L. Gasparini
  • ROMANZO CRIMINALE regia di S. Sollima
  • Teatro
    Nel 1992 è fondatore e ideatore dell’Associazione del Teatro Patologico O.N.L.U.S.
    Associazione che si occupa di un lavoro unico e universale, ossia quello di trovare un contatto tra il teatro e un ambiente dove si lavora sulla malattia mentale, dove girano ragazzi con gravi problemi psichici. Questo lavoro ha dato una svolta a tutte e due le realtà.
    Il Teatro Patologico ha presentato il suo lavoro in tutto il mondo: Parigi, Barcellona, Amsterdam, Praga, Madrid, Monaco, Londra, ma soprattutto negli Stati Uniti dove D’Ambrosi ha presentato, con laboratori, il suo metodo di lavoro presso la New York University di New York, l’Akron University di Cleveland e l’Haward University di San Francisco, dove tuttora gli studenti di teatro studiano il Teatro Patologico.
    In Italia 24 studenti di Lettere e Psicologia hanno portato come tesi di laurea “IL TEATRO PATOLOGICO”

    Ora l’Associazione vuole imporre il suo linguaggio anche attraverso la macchina da presa. Perché se si riesce ad approfondire cinematograficamente questa ricerca, come è stato nel campo teatrale, sarà un grosso successo per tutta la cultura italiana, visto i grandi riconoscimenti che ha avuto l’Associazione del Teatro Patologico all’estero.

    Dal 1992 l’associazione presenta i suoi lavori teatrali presso il Teatro Caffè La Mama di NewYork dove D’Ambrosi è membro dal 1994 insieme a nome come Robert DeNiro, Peter Brook, Al Pacino.
    Cortometraggi
    L’Associazione ha inoltre prodotto un cortometraggio della duratra di 27 minuti dal titolo “Frusta-azioni” diretto da Dario D’Ambrosi ed invitato ai festival di Locarno e Venezia.
    Altro
    Filmografia
    D’Ambrosi ha realizzato la sua prima regia cinematografica, un film da Gianfranco Piccioli per Hera International dal titolo Il ronzio delle mosche, con Greta Scacchi nella parte della protagonista femminile, la dottoressa Naila.
    Interpreta il ruolo del flagellatore di Cristo nel celebre film La Passione di Mel Gibson.
    Scrive e Dirige “I.N.R.I.” LUNGOMETRAGGIO NEGLI Stati Uniti prodotto dalla Pasthological Inc.

    Premi
    Nel 1996 l’ Associazione ha vinto il bigliettod’oro nel 1995 e il Premio IDI (Istituto Del Dramma Italiano).